Home Page

Indice Rassegna Stampa

 

Corriere del Mezzogiorno - 03 Dicembre 2002


L'APPELLO
"Produciamo meno mozzarella"

SALERNO
"Rallentare la produzione di mozzarella di bufala campana per migliorarne la qualità". È l'appelloproposta che il presidente dell'associazione culturale "Galaxia-Via Lattea", l'imprenditore lattiero-caseario Nicola Pietrafesa, ha rivolto a tutti gli operatori del settore, in occasione del tradizionale appuntamento a Paestum con la "Festa della Bufala". Il tasso di crescita, pari al 47,7%, della produzione di mozzarella campana dop registrato nel 2001, a fronte dell'incremento annuo precedente del 5,7%, sta portando, secondo l'imprenditore, alla saturazione dei mercati, con conseguente calo dei prezzi e sovrapproduzione di latte che non trova facile collocazione alla trasformazione. Occorre pertanto concedersi una battuta d'arresto per riposizionare il prodotto, migliorandone la qualità, in tutti gli aspetti della filiera produttiva, dagli allevamenti alla lavorazione. Pietrafesa si è anche detto preoccupato per i tentativi di riforma del disciplinare della mozzarella di bufala dop orchestrati dalle multinazionali agroalimentari che, proponendo l'utilizzazione del latte pastorizzato al posto di quello crudo e il prolungamento delle ore di lavorazione, da sedici a sessanta, rischiano di far scomparire la vera mozzarella artigianale di origine protetta, al terzo posto dopo il parmigiano reggiano e il grana padano tra i formaggi dop più consumati. Nella sola provincia di Salerno, dove pascola più di un quinto delle bufale presenti in Italia, nel 2000 si sono prodotti oltre quattro milioni di chili di mozzarella, pari al 23,33% della produzione totale dell'area dop.

G.B.




Home Page Galaxiavialattea.it